Il non senso

Capire ciò che non ha senso: o più precisamente (l’unica cosa che si può veramente fare), capire che una proposizione non ha senso. Per fare questo è in realtà necessario, preventivamente, disporre di un’ermeneutica sensata, dove il senso abbia già creato un terreno stabile; in altri termini dove il senso non possa essere in alcun modo messo in discussione (lo strato di terra, come direbbe Wittgenstein, dove la zappa si piega). Ma allora per dire che qualcosa è senza senso bisogna, in generale, credere nel senso: e affermare che il tutto è senza senso è qualcosa di paradossale, di logicamente impossibile. (C’è qualcosa, in questo, che contemporaneamente disorienta e consola.)

Annunci